La fluoroprofilassi viene considerata la “terapia medica” della patologia cariosa. Ha un’importanza fondamentale, soprattutto nel paziente in crescita; il corretto management della terapia attiene alla giusta cooperazione fra il genitore e l’odontoiatra di riferimento, e consta di poche, semplici, ma fondamentali raccomandazioni.

Il testo delle Raccomandazioni cliniche in odontostomatologia, pubblicato nel gennaio 2014 dal Dipartimento della sanità pubblica e dell’innovazione del Ministero della Salute, la definisce addirittura come “la pietra miliare della prevenzione della carie”.

Il fluoro, quando messo a contatto con il substrato dentario, manifesta infatti diverse azioni positive:

  • rinforza direttamente la struttura minerale, modificandone l’organizzazione biochimica: induce infatti la trasformazione dell’idrossiapatite in fluoroapatite
  • favorisce la rimineralizzazione degli spot soggetti a demineralizzazione localizzata
  • ha un’azione antibatterica, rivolta soprattutto sullo Streptococcus mutans, del quale rende più difficoltosa l’adesione.

Volendosi esprimere nel linguaggio dell’odontoiatria di comunità, la fluoroprofilassi ha un impatto positivo su di uno dei 5 indici del Cariogram, precisamente sulla suscettibilità.

La somministrazione di fluoruri può avvenire attraverso due differenti vie: sistemica e topica. Le indicazioni terapeutiche e i dosaggi qui riportati sono quelli disponibili sulle Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva, a sempre a cura del Ministero.

Somministrazione sistemica: la fluoroprofilassi è consigliata per tutti i soggetti in età evolutiva che vivono in aree con acqua a basso contenuto di fluoro (< 0,6 ppm). La raccomandazione interessa principalmente i bambini fino ai 3-6 anni, ed è estesa a quasi tutto il territorio nazionale (eccezion fatta per le aree vulcaniche), anche per via del largo consumo di acque minerali, che hanno nella maggior parte dei casi un contenuto inferiore.

Tra i 6 mesi e i 3 anni di età, la somministrazione sistemica è l’unica consigliata, mentre l’uso di dentifrici contenenti fluoro può esporre al rischio di sovradosaggio. I dosaggi sono compresi fra 0.25 e 0.50 mg/die.

In base ai dati attualmente in nostro possesso, non esiste indicazione alla somministrazione di fluoro per via sistemica in gravidanza.

Per quanto riguarda la somministrazione topica, la via preferenziale è quella domiciliare, che utilizza dentifrici contenenti fluoro.

Nella fase di passaggio dai 3 ai 6 anni, è indicato l’uso quotidiano (2 volte al giorno) di una pasta dentifricia a basso contenuto di fluoro (500 ppm). Dai 6 anni in poi, l’uso di una pasta contenente almeno 1000 ppm può costituire l’unica forma di somministrazione.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *